I clienti più fedeli? Quelli di iPhone

I clienti di iPhone sono più fedeli al loro dispositivo rispetto a coloro che possiedono un telefono con sistema operativo Android.

i love apple-200x200_cloud_in_touchQuesto quanto emerge dallo studio del Consumer Intelligence Research Partners. Considerando il periodo giugno 2012-giugno 2013, si nota come l’81% di coloro che utilizzavano un iPhone hanno continuato a farlo anche quando è stato il momento di acquistare un nuovo dispositivo. La percentuale di fedeltà degli utenti Android scende, invece, al 67%. Tuttavia è interessante notare come siano decisamente più numerosi coloro che abbandonano Android per iPhone piuttosto che il contrario (27% contro 14%). Se poi si guarda all’ex re del mercato BlackBerry si scopre che il 48% dei suoi vecchi clienti ha acquistato un iPhone e il 34% un telefono Android.

Sono dati interessanti, che tuttavia non sorprendono, soprattutto se si considera l’impegno che Apple ha sempre profuso per ottenere la reale e duratura “fedeltà” dei propri clienti. Una Customer Loyalty che – nonostante il passare del tempo – continua a restare alta e che va oltre la semplice “fidelizzazione”. Senza dubbio il legame tra Mela Morsicata e consumatori poggia su elementi tangibili e solidi come: a) la qualità dei prodotti venduti e b) la puntualità  nel venire incontro alle esigenze della clientela. Ma non solo. Esiste anche una sfera di “percepito non tangibile” sviluppatasi nel corso degli anni. L’abilità degli strateghi di Cupertino è stata – ed è tuttora – quella di immaginare oltre il semplice e singolo consumatore per dare origine, invece, a una comunità di persone legate da un senso di appartenenza molto forte. Insomma, la certezza di  far parte di una minoranza “non conforme al resto del mondo” che sceglie e usa prodotti “belli e giusti”. Chi usa Apple lo vuole far sapere, lo rivendica. Con la conseguente soddisfazione psicologica che deriva dall’essere convinti  di possedere qualcosa di esclusivo, non massificato (e non importa se intorno a noi milioni persone hanno un iPad o un iPhone…).

Ma osserviamo questi dati pensando al mondo delle applicazioni mobile. Questa maggiore fedeltà dei consumatori Apple comporta anche una maggiore frequentazione degli stessi dell’AppStore (rispetto a quanto i possessori di Android fanno con il Google Play)?

Io ritengo di sì. La più decisa customer loyalty degli Apple user è evidente anche osservando la maggiore frequentazione e la più profonda familiarità di utilizzo delle applicazioni mobile presenti sull’AppStore. Ciò è confortato anche da recenti dati che mostrano come il negozio Apple 1) sia 4 volte più redditizio rispetto a quello di Google Play e 2) sia di gran lunga preferito da chi investe in advertising nel settore mobile.

Un altro paio di riflessioni prima di chiudere.

Apple, iPhone ed il sistema operativo iOS sono legati in maniera indissolubile. Se sei fedele a uno lo sei anche agli altri. Diverso per il frammentassimo universo Android, fatto di aziende, marchi e dispositivi differenti. È possibile che – almeno in parte – questa parcellizzazione influisca negativamente sulla customer loyalty. Così com’è possibile che il consumatore Android si limiti a passare da un brand all’altro (da Samsung a Motorola, per esempio), acquistando dispositivi con il medesimo sistema operativo.

Infine, non bisogna dimenticarsi il fattore prezzo. È più facile che un consumatore che abbia sborsato una cifra consistente per un Samsung Galaxy S4 passi a un iPhone. Mentre è più difficile che lo faccia un consumatore che ha comprato uno dei tanti telefoni con sistema Android di fascia medio-bassa.

Tutto ciò, rimanendo in attesa del probabile iPhone low-cost, futuro 5C.

Leave a Comment!

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Related Posts