Le “sorprese” iPhone del 10 settembre

In attesa delle novità Apple, alcune previsioni e un paio di riflessioni.

Sono passati 3 mesi circa dalla presentazione di iOS7 e OSX Mavericks e in questo periodo si sono susseguite un’infinità di immagini inerenti al fantomatico iPhone low cost e all’ iPhone 5S. In realtà niente di sorprendente. I primi leak di questi modelli risalgono già ai primi mesi del 2014. È possibile che Apple non sia più in grado di stupirci? (come si è detto nel precedente articolo http://cloudintouch.it/2013/09/05/apple-e-la-capacita-di-inventare-il-futuro/). Senza dubbio l’ufficio marketing di Cupertino è abile a creare un “clima di attesa” intorno ai nuovi prodotti attraverso un gioco di mezze verità e un po’ di smentite. Tuttavia, è anche evidente un grosso problema di sicurezza interna. Basti pensare che  le immagini dei primi iPhone 5 furono mostrate prima della presentazione del 4s.

Il 10 settembre Apple presenterà due nuove linee di iPhone: quella colorata e quella standard.

Gli iPhone 5C, quelli che ormai tutti chiamano low cost, saranno dei normali iPhone 5 con una scocca posteriore in policarbonato disponibile in diversi colori. Sarà un modello differente, dunque, da quelli attualmente in commercio, ma non perché più cheap e di minor valore. Anzi. Credere a una manovra in stile “saldo di fine stagione” sarebbe, infatti, un grave errore di valutazione.

Infatti, il policarbonato è una plastica di altissima qualità e durata (è usata nei compositi per creare i vetri antiproiettile) e l’hardware sarà “cheap” in quanto di una versione precedente cioè quello del… 5.

È probabile che questo modello possa essere venduto nei tagli da 8GB, 16GB e 32GB, con prezzi più bassi e accessibili, magari con un ingresso tra 499$ e 549$.

Per quanto riguarda l’iPhone 5S potrebbe essere eliminato il taglio da 16GB, in modo da aumentare la forbice tra le due linee, e aggiunto il modello da 128GB che a detta di molti sarà color champagne.

Oltre ad un hardware rinnovato, i rumor e le le librerie interne ad iOS7 sembrano confermare la presenza di un sensore di impronte digitali integrato con il tasto Home.

 

È previsto un aggiornamento anche della linea iPad. Niente di sorprendente, con un upgrade hardware e una linea più sottile per quanto riguarda l’iPad “grande” che erediterà la tecnologia costruttiva del mini (grazie alla quale è possibile ottenere un cornice ridotta tra vetro e scocca). Sfortunatamente sembra che il mini non verrà aggiornato con un display retina.

 

Per iOS7 probabilmente verrà rilasciato il download della Gold Master ai soli sviluppatori e da lì ad una settimana il download ufficiale; ugualmente avverrà per OSX Maveriks.

Da non dimenticare anche l’inizio della vendita del nuovo Mac Pro.

Tutto qui? O Apple è riuscita a nascondere qualcosa agli abili fotografi dei manifatturieri cinesi, magari proprio usando le fabbriche che ha aperto negli USA, o ci sarà la “one more thing”, magari l’iWatch.

L’evento inizierà il 10 settembre alle 18 ora locale.

Per chi rimpiange il “one more thing” ecco una serie di spezzoni presi dai WWDC e dalle conferenze Apple.

Leave a Comment!

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Related Posts