Oggi nessun articolo di programmazione e niente inglese maccaronico.
Vorrei parlare in realtà di una funzionalità a mio avviso molto interessante presente in iOS8.
A volte può essere utile inserire nel vostro telefono informazioni che siano leggibili a tutti in caso di emergenza senza compromettere la privacy di altre, in pratica aprire una piccola finestra in cui far sbirciare piuttosto che aprire la porta di casa.

Read more!

It has been a long time I know, but I was really busy with some important projects.
I’d like to begin the new year with a new post about Pinoccio,  Pinoccio is a micro controller with a built in WiFi and mesh radio with easy access REST API, really useful for build small project for the “internet of things”. For more info read the old article Connect iOS to the internet of things (pinoccio)
The scope of this post is about how to build a simple house power meter and interfacing it with an iOS application.
First of all, to the “capitains” out there must be told that the purpose of the project is not to build a super precise power monitor or explain electrical engineering.

Read more!

I don’t want to start explaining what is “the internet of things” because it’s a really huge topic, but I’m here to share my first experience into connect an iOS device to a micro controller called Pinoccio and what that means.

What is Pinoccio? am I missing an “H”?

Is really hard to describe it, I’m really proud about being a funder of this project on indiegogo.

Pinoccio at a first first look seems to be like a pumped Arduino with a WiFi shield and mesh radio communication. If you are wondering.. yes is compatible with the Arduino IDE and you can compile your own custom firmware, but do we really need that? Building a firmware with the Arduino IDE that include a network library, shield communication can be really frustrating, if you are not familiar with micro-controllers, is really a long hard road. For instance the memory is a big problem into creating a sort of web-server that can run into a micro-controller.
One of my first desire when I ‘ve got my first iPod Touch was to connect my device on everything and when I started to build my own applications using the iphone sdk, I always tried to figure out how to do that, but I’ve found huge obstacles that I wasn’t still prepared to tackle.
In the earlier realeses of iOS version wasn’t possible to connect the iphone to a sort of prototype board, well not exactly but I have should enroll to the made for iphone/ipod program and the process wasn’t really easy. The accessory framework had very few documentation available to the public. Now we can use the Bluetooth LE to connect with an accessory but it seems to be locked for 1:1 connection (but I’m not totally sure about it, for instance the multipeer connectivity can connect up to 8 devices).
Then I started to use Arduino a little, but the problem was still the connection between the 2 devices, the only option was using the ethernet shield, build something like a webserver and access Arduino pins with a sort of web services. Not so easy and also with a lot of limits about memory, bottlenecks etc in my mind I couldn’t find a way to do something that could be ready for production.

Later Redspark started to sell a cable (in compliance with the made for iphone program). With this cable is possible using the serial communication to make an Arduino talk with an ios device, but under current Apple policy this cable may not be used with apps sold on the App Store.

Then I’ve found ElectricImp, I was really interested into that project but when I heard that I would always need to stay bounded to their cloud platform I gave up, but the Imp is a really cool device if you accept that limitation (or feature).
On Febraury 2013 during an Indiegogo campaign I heard about Pinocc.io it was love at first sight.

Pinoccio image

Pinoccio with all its features

Why Pinoccio changes everything?

  • It is a really small and cool prototyping board.
  • They are making an FCC certified version for production of a size of a nail.
  • You can build you own firmware in the old Arduino way.
  • You can use a scripting language to communicate with it from a web terminal (and via REST).
  • You can log it and launch those script commands using REST webservices.
  • You are not bound to use their platform.
  • You can create your own mesh of pinocc.ios and only one of them need to comminicate WiFi.
  • You can create your own custom script (maybe because you need to communicate in a specific way with a sensor or peripheral)
  • It’s all wireless
Pinocc.io Web interface

Pinocc.io Web interface

It’s pretty clear that you can do almost everything you want.

The idea here is to send all your request to their (or yours) platform and read or write properties with simple calls on the the platform, and this is a reallu smart idea, because most probably the platform manages the traffic on the board, maybe also caching some responses, avoiding bottle necks or massive requests.

To make a simple example about how this board connected to you iOS device can be powerful, I’ve made an easy app that asks the on-board temperature of the two scouts.
We have a lead scout (Optimus Prime) with the Wi-Fi backpack on it and the other scout (Bumble Bee) that communicates through the lead scout.
The lead scout is installed in my home and the other outside – of course the on board temperature is not the real environment temperature because is due to the load of the CPU and the environment temperature itself-.

Pinoccio temperature app

A video can be found here.

This is a simple example but let me try to figure out something bigger.

Let’s imagine that each scout has a Bluetooth LE backpack and a simple OLED display installed in a shoes shop. Each shoes has its own scout (like a price tag) with the display that shows the like/reviews numbers.
Each scout sends an iBeacon signal to identify a specific product close to them. When a user get close to the product using the shop application connects to that scout/ibeacon and get the product details, there is also the possibility to “like” it, once the use press like on the phone the like number on the display is incremented almost in real-time.
The other interesting example could be to measure the energy consumption of our house integrating a hall effect sensor on each scout and display data in a cool web page or into your mobile phone.

Arduino in my opinion created a revolution opening the market to all those boards, these is just the beginning because the revolution of the DIY is cultural and educational.
I hope to have more time to play around using Pinocc.io and this is the first time that I feel I have something “ready for production” and not just a new cool R&D gadget.

Visto che l’argomento iBeacon sembra particolarmente interessante ho deciso di fare un video di 13 min con due piccole demo.

Spero possiate trovarlo interessante e perdonate le papere, ma andavo a braccio!!!!

Un altro articolo interessante sullo stesso argomento: iBeacon, behind the scene

 

Coloro che creano e diffondono contenuti, messaggi, informazioni, prodotti o qualsiasi cosa sia destinato a essere visualizzato su dispositivi mobile si trovano ad affrontare un compito tutt’altro che semplice.

TV_mobile_device_Cloud_In_Touch

Specialmente nel caso in cui bisogna decidere come gestire dei fattori già di per sé importanti quali “il luogo” e “il momento” della fruizione. Dove si troverà l’utente quando leggerà questa rivista o questo comunicato? In che situazione e in che momento della giornata visualizzerà, per esempio, questa pubblicità o userà questo gioco?

Un tempo, prima della rivoluzione mobile “smart”, le strade erano grosso modo due: in ufficio o a casa propria. Insomma, in quei luoghi dove era possibile avere uno spazio fisico adatto e collegamenti funzionanti (internet, tv). L’eccezione era la radio (o i media cartacei). I laptop avevano modificato di un po’ le abitudini, ma senza stravolgerle. Guardare un video su You Tube con un pc aperto sulle ginocchia mentre si viaggia in metropolitana non è esattamente una situazione comoda…

Poi sono arrivati i dispositivi mobili “smart” e con loro ulteriori difficoltà.

Una prima difficoltà da affrontare è proprio connessa all’essere mobile. I content provider, gli uomini marketing o qualunque soggetto realizzi un prodotto destinato a smartphone e tablet non ha più la facoltà di prevedere “dove” e “quando” l’utente visualizzerà ciò che viene realizzato. Esistono decine di indagini che sondano i comportamenti degli utenti, mostrando come, dal momento della sveglia fino all’istante in cui si spegne la luce sul comodino, i dispositivi mobile facciano parte – in maniera anche ossessiva – della quotidianità.

Una seconda difficoltà – ora che la diffusione di smartphone e tablet è ampia –  è capire se, nel momento della fruizione del messaggio o del contenuto, l’utente non sarà distratto da altro. E se la sua attenzione non sarà, pertanto, parziale, frammentata o condivisa (magari con altri media).

 

Lo spunto per questa riflessione viene da un’indagine svolta in Gran Bretagna per conto di BT British Telecom nel 2013. Agli intervistati veniva chiesto se mentre guardavano la TV erano impegnati anche in altre faccende e, in caso affermativo, quali.

Le risposte? Il 78% degli intervistati ha ammesso di svolgere altre attività. I principali diversivi? Guardare email, interagire sui social, fare shopping on-line, giocare a videogiochi, leggere.

Di conseguenza, avere la totale attenzione del pubblico (o degli utenti) ai quali ci si rivolge sarà sempre più un’utopia e un ostacolo da aggirare. Ma anche un’opportunità da tenere presente quando si rilascia un prodotto o si lancia un messaggio: da una App a una campagna su social network e web.

I cosidetti “millennials”, cioè i nati tra la fine degli anni Settanta e la metà dei Novanta, sono tra i più attivi utilizzatori di smartphone. O forse è meglio dire “addicted”, dato che una buona parte di essi afferma di provare “ansia” in caso di prolungata astensione dall’uso. E le ricerche comportamentali in questo senso si susseguono mostrando risultati simili.

 

emarketer_millennials_Cloud_in_touch

Parlando di mercati ben monitorati come quello statunitense e britannico si scopre che i millennials passano almeno 2 ore al giorno sui loro device mobile. Tempo sottratto a media tradizionali quali TV, radio e – ormai – PC.

Le attività principali sono state interagire con i social network, utilizzare applicazioni mobile, navigare su internet e fare acquisti.

Azioni che – in modalità differenti – vengono sfruttate dal marketing per veicolare messaggi legati ai brand e per portare gli utenti all’acquisto. I dispositivi mobile, infatti, si prestano molto bene all’interazione/interconnesione fra i diversi canali: web, App, social.  Pezzi diversi di un’unica e avvolgente strategia.

 

E i dati spingono a rendere queste relazioni sempre più strette e organiche. Il 54% di coloro che hanno tra 18-34 anni preferisce accedere ai profili social dal proprio smartphone; il PC viene in seconda posizione, con il 38%.

Secondo un’indagine di comScore MobiLens, la maggioranza di coloro che hanno 18-24 anni (56%) è stata raggiunta da un annuncio pubblicitario mentre stava utilizzando il proprio telefono scorrendo i post in una pagina social. Molti di essi, poi, hanno interagito con l’ad cliccandoci sopra (26,7%). Questa interazione, per il 25,3% di essi, ha significato ricevere un coupon o un’offerta dal marchio o azienda cliccato.

Il legame dispositivo mobile, social network e applicazioni mobile – con queste ultime che fanno da collante fra i primi due – è sempre più rilevante  per la veicolazione di messaggi commerciali. Non è solo una questione di coinvolgimento, ma di modalità d’uso.

 

Per un approfondimento si veda: “UK Millennials and Mobile: The Key Device in a Digitally Dominated Life” (eMarketer.com)

L’annuncio degli iBeacon sembra aver scosso un po’ il mercato mobile, come se questi oggetti fossero un qualcosa di magico che consente di fare un po’ tutto, dalla geolocalizzazione indoor, ai pagamenti, dalla casa intelligente, a retail experience. Il limite è sempre la fantasia, basta che questa sia poi effettivamente supportata da una sufficiente conoscenza del dispositivo in questione per capire cosa è effettivamente realizzabile.
Diversi “esperti” di marketing si sono cimentati nello spiegare cosa è un iBeacon e voglio provarci anche io, dato che a tempo perso ci sto giochicchiando.

Read more!

Due notizie che ci portano a ragionare su quali sono le tendenze di business nel mondo mobile sia lato App che advertising.

Entrambe arrivano da eMarketer.com.

La prima riguarda i guadagni sempre crescenti delle App pensate con la formula in-app-purchase.

Nei due principali store, Apple e Google Play, le applicazioni gratuite al download la fanno da padroni con percentuali che superano il 90%.

Sviluppatori e, sopratutto, grandi società di software (di game) prediligono questo sistema per ottenere i loro guadagni. I dati provengono da un report di Distimo, società di analisi americana del mondo delle applicazioni.

Considerando i guadagni dei due negozi virtuali del mese di novembre, il 92% di AppStore e il 98% di Google Play sono derivati da applicazioni free-to-download con al loro interno offerte di acquisto. L’anno prima le percentuali erano, rispettivamente, 89 e 77%.

Il recupero di Android non ha tuttavia raggiunto Apple. L’AppStore di Cupertino mantiene il primato con 63% contro 37%.

stats 1 parte 1

 

Parlando poi dei dominatori incontrastati degli store, ovvero le App di gioco, la ricerca svela che il 41,4% del totale dei guadagni viene proprio dalla formula in-app-purchase.

Seconda notizia. Come abbiamo avuto modo di scrivere qualche tempo fa, le imprese spendono sempre di più per la pubblicità su mobile.

Con percentuali che superano il 100%, almeno secondo i dati di Millennial Media. Il mobile convince, e investire su di esso non è più un’opzione fra le altre o una scelta d’avanguardia. Sembra ormai più una stringente necessità, adesso che smartphone, tablet e applicazioni fanno sempre più parte delle nostre vite. Una crescita che nel 2013 è stata del 105% più alta rispetto all’anno precendente e che si prevede in ulteriore crescita del 62,1% nel 2014.

Addirittura c’è chi, come l’industria farmaceutica, ha aumentato del 744% la presenza su mobile (se paragoniamo questo dato del novembre 2013 con quello del medesimo periodo del 2012). Ugualmente si sono proiettate sul mobile l’industria dell’informazione (+530%), quella dello sport (+411%) o dei beni di consumo (+357%) con percentuali sopra il 300%.

stats 1 parte 2

Quali le ragioni di questo interesse verso il mobile? Un terzo (34%) di coloro che vi hanno investito lo ha fatto con l’obiettivo di aumentare il traffico sul proprio sito. Un 25% cerca una presenza importante all’interno del mondo mobile e il 22% vuole rinforzare la propria brand awareness su questi canali.

Le previsioni sono ancora più rosee. Dal 2017 gli uomini marketing spenderanno oltre 72 miliardi di dollari sul mobile, circa 10 volte tanto quanto è stato speso nel 2012.

stats 2 parte 2

 

A breve capiremo se le imprese italiane seguiranno questa tendenza. Senza dubbio c’è ancora molto attendismo e qualche resistenza a investire in questa direzione. Si prefereisce ancora distribuire le risorse su diverse piattaforme, come se puntare un po’ su tutto (dalla brochure di carta alla pubblicità sui social network) sia meglio che prendere decisioni più nette per uno o per l’altro canale comunicativo.

Come se i dispositivi mobile e le applicazioni fossero ancora semplici gadget (simpatici, ad effetto e a buon mercato…) e non elementi sempre più centrali delle nostre vite (e nelle strategie commerciali di aziende che vogliono essere competitive).

Quando si pensa al concetto di “proximity” immediatamente la mente corre alla possibilità che i dispositivi mobile hanno di ricevere  messaggi ad hoc quando questi si trovano nelle vicinanze di un punto d’interesse.

 

Come discusso in un precedente post, si va – per esempio – dalla condivisione/fornitura di informazioni commerciali in-store (offerte, promozioni, adv, etc.) alla diffusione di contenuti digitali direttamente dove e quando servono (musei, mostre, luoghi turistici, momenti ludici e di entertaiment).

iBeacon_domotica_Cloud_In_Touch

Analogamente si immagina che questa interazione debba avvenire quando siamo fuori dalle mura domestiche, mentre siamo intenti a fare shopping, mentre seguiamo una partita allo stadio o siamo in un museo davanti a un’opera d’arte. Di solito avviene che noi – utenti smartphone – riceviamo tali segnalazioni quando entriamo in un “recinto virtuale” (geofence) ben definito. Un perimetro che, tuttavia, è stato progettato da altri (intorno al proprio negozio, supermercato o edificio) e che, quindi, si configura come un luogo non nostro, a noi estraneo.

Proviamo, quindi, a rovesciare i termini della questione. Immaginiamo che il “recinto” sia quello a noi più noto e privato, ovvero quello racchiuso dalle mura domestiche.

Senza dubbio, se si sfruttasse fino in fondo questo genere di tecnologia si farebbe un gran passo in avanti nella concreta diffusione di abitazioni sempre più automatizzate. Lo smartphone diverrebbe lo strumento principale (e più comodo) per controllare i dispositivi elettronici e le loro funzioni: termostati, contatori, luci e lampade, allarmi e sensori, elettrodomestici, aperture di porte e finestre.

Casa domotica e Internet of Things finalmente si troverebbero riuniti: gestione e controllo centralizzati e da remoto di “cose” che rispondono ai nostri comandi e riescono a dialogare fra di loro in maniera intelligente. Questi comandi, poi, potrebbero benissimo trovare in Siri – il personal assistant virtuale del sistema iOS – un forte alleato (come suggerisce Mike Elgan in un suo articolo per CultOfMac.com)  .

Ora non so se ci stiamo spingendo troppo in là. Senza dubbio la tecnologia iBeacon può essere utilizzata anche per compiti meno complessi e più legati all’invio di messaggi al proprio smartphone.

Allarmi, avvisi e informazioni potrebbero rientrare in un pacchetto più organico, come un’applicazione pensata per la gestione della nostra quotidianità. Grazie a messaggi geolocalizzati… potrebbero essere proprio le “cose” che ci circondano (e che condividono i nostri spazi domestici) a darci una mano nella vita di tutti i giorni, facendoci risparmiare tempo e aiutandoci a non dimenticare nulla.