I don’t want to start explaining what is “the internet of things” because it’s a really huge topic, but I’m here to share my first experience into connect an iOS device to a micro controller called Pinoccio and what that means.

What is Pinoccio? am I missing an “H”?

Is really hard to describe it, I’m really proud about being a funder of this project on indiegogo.

Pinoccio at a first first look seems to be like a pumped Arduino with a WiFi shield and mesh radio communication. If you are wondering.. yes is compatible with the Arduino IDE and you can compile your own custom firmware, but do we really need that? Building a firmware with the Arduino IDE that include a network library, shield communication can be really frustrating, if you are not familiar with micro-controllers, is really a long hard road. For instance the memory is a big problem into creating a sort of web-server that can run into a micro-controller.
One of my first desire when I ‘ve got my first iPod Touch was to connect my device on everything and when I started to build my own applications using the iphone sdk, I always tried to figure out how to do that, but I’ve found huge obstacles that I wasn’t still prepared to tackle.
In the earlier realeses of iOS version wasn’t possible to connect the iphone to a sort of prototype board, well not exactly but I have should enroll to the made for iphone/ipod program and the process wasn’t really easy. The accessory framework had very few documentation available to the public. Now we can use the Bluetooth LE to connect with an accessory but it seems to be locked for 1:1 connection (but I’m not totally sure about it, for instance the multipeer connectivity can connect up to 8 devices).
Then I started to use Arduino a little, but the problem was still the connection between the 2 devices, the only option was using the ethernet shield, build something like a webserver and access Arduino pins with a sort of web services. Not so easy and also with a lot of limits about memory, bottlenecks etc in my mind I couldn’t find a way to do something that could be ready for production.

Later Redspark started to sell a cable (in compliance with the made for iphone program). With this cable is possible using the serial communication to make an Arduino talk with an ios device, but under current Apple policy this cable may not be used with apps sold on the App Store.

Then I’ve found ElectricImp, I was really interested into that project but when I heard that I would always need to stay bounded to their cloud platform I gave up, but the Imp is a really cool device if you accept that limitation (or feature).
On Febraury 2013 during an Indiegogo campaign I heard about Pinocc.io it was love at first sight.

Pinoccio image

Pinoccio with all its features

Why Pinoccio changes everything?

  • It is a really small and cool prototyping board.
  • They are making an FCC certified version for production of a size of a nail.
  • You can build you own firmware in the old Arduino way.
  • You can use a scripting language to communicate with it from a web terminal (and via REST).
  • You can log it and launch those script commands using REST webservices.
  • You are not bound to use their platform.
  • You can create your own mesh of pinocc.ios and only one of them need to comminicate WiFi.
  • You can create your own custom script (maybe because you need to communicate in a specific way with a sensor or peripheral)
  • It’s all wireless
Pinocc.io Web interface

Pinocc.io Web interface

It’s pretty clear that you can do almost everything you want.

The idea here is to send all your request to their (or yours) platform and read or write properties with simple calls on the the platform, and this is a reallu smart idea, because most probably the platform manages the traffic on the board, maybe also caching some responses, avoiding bottle necks or massive requests.

To make a simple example about how this board connected to you iOS device can be powerful, I’ve made an easy app that asks the on-board temperature of the two scouts.
We have a lead scout (Optimus Prime) with the Wi-Fi backpack on it and the other scout (Bumble Bee) that communicates through the lead scout.
The lead scout is installed in my home and the other outside – of course the on board temperature is not the real environment temperature because is due to the load of the CPU and the environment temperature itself-.

Pinoccio temperature app

A video can be found here.

This is a simple example but let me try to figure out something bigger.

Let’s imagine that each scout has a Bluetooth LE backpack and a simple OLED display installed in a shoes shop. Each shoes has its own scout (like a price tag) with the display that shows the like/reviews numbers.
Each scout sends an iBeacon signal to identify a specific product close to them. When a user get close to the product using the shop application connects to that scout/ibeacon and get the product details, there is also the possibility to “like” it, once the use press like on the phone the like number on the display is incremented almost in real-time.
The other interesting example could be to measure the energy consumption of our house integrating a hall effect sensor on each scout and display data in a cool web page or into your mobile phone.

Arduino in my opinion created a revolution opening the market to all those boards, these is just the beginning because the revolution of the DIY is cultural and educational.
I hope to have more time to play around using Pinocc.io and this is the first time that I feel I have something “ready for production” and not just a new cool R&D gadget.

Visto che l’argomento iBeacon sembra particolarmente interessante ho deciso di fare un video di 13 min con due piccole demo.

Spero possiate trovarlo interessante e perdonate le papere, ma andavo a braccio!!!!

Un altro articolo interessante sullo stesso argomento: iBeacon, behind the scene

 

L’annuncio degli iBeacon sembra aver scosso un po’ il mercato mobile, come se questi oggetti fossero un qualcosa di magico che consente di fare un po’ tutto, dalla geolocalizzazione indoor, ai pagamenti, dalla casa intelligente, a retail experience. Il limite è sempre la fantasia, basta che questa sia poi effettivamente supportata da una sufficiente conoscenza del dispositivo in questione per capire cosa è effettivamente realizzabile.
Diversi “esperti” di marketing si sono cimentati nello spiegare cosa è un iBeacon e voglio provarci anche io, dato che a tempo perso ci sto giochicchiando.

Read more!

Quando si pensa al concetto di “proximity” immediatamente la mente corre alla possibilità che i dispositivi mobile hanno di ricevere  messaggi ad hoc quando questi si trovano nelle vicinanze di un punto d’interesse.

 

Come discusso in un precedente post, si va – per esempio – dalla condivisione/fornitura di informazioni commerciali in-store (offerte, promozioni, adv, etc.) alla diffusione di contenuti digitali direttamente dove e quando servono (musei, mostre, luoghi turistici, momenti ludici e di entertaiment).

iBeacon_domotica_Cloud_In_Touch

Analogamente si immagina che questa interazione debba avvenire quando siamo fuori dalle mura domestiche, mentre siamo intenti a fare shopping, mentre seguiamo una partita allo stadio o siamo in un museo davanti a un’opera d’arte. Di solito avviene che noi – utenti smartphone – riceviamo tali segnalazioni quando entriamo in un “recinto virtuale” (geofence) ben definito. Un perimetro che, tuttavia, è stato progettato da altri (intorno al proprio negozio, supermercato o edificio) e che, quindi, si configura come un luogo non nostro, a noi estraneo.

Proviamo, quindi, a rovesciare i termini della questione. Immaginiamo che il “recinto” sia quello a noi più noto e privato, ovvero quello racchiuso dalle mura domestiche.

Senza dubbio, se si sfruttasse fino in fondo questo genere di tecnologia si farebbe un gran passo in avanti nella concreta diffusione di abitazioni sempre più automatizzate. Lo smartphone diverrebbe lo strumento principale (e più comodo) per controllare i dispositivi elettronici e le loro funzioni: termostati, contatori, luci e lampade, allarmi e sensori, elettrodomestici, aperture di porte e finestre.

Casa domotica e Internet of Things finalmente si troverebbero riuniti: gestione e controllo centralizzati e da remoto di “cose” che rispondono ai nostri comandi e riescono a dialogare fra di loro in maniera intelligente. Questi comandi, poi, potrebbero benissimo trovare in Siri – il personal assistant virtuale del sistema iOS – un forte alleato (come suggerisce Mike Elgan in un suo articolo per CultOfMac.com)  .

Ora non so se ci stiamo spingendo troppo in là. Senza dubbio la tecnologia iBeacon può essere utilizzata anche per compiti meno complessi e più legati all’invio di messaggi al proprio smartphone.

Allarmi, avvisi e informazioni potrebbero rientrare in un pacchetto più organico, come un’applicazione pensata per la gestione della nostra quotidianità. Grazie a messaggi geolocalizzati… potrebbero essere proprio le “cose” che ci circondano (e che condividono i nostri spazi domestici) a darci una mano nella vita di tutti i giorni, facendoci risparmiare tempo e aiutandoci a non dimenticare nulla.

La notizia dell’integrazione del profilo iBeacon nei nuovi device Apple non aveva suscitato molto clamore. Alla WorldWide Developers Conference di settembre, l’attenzione era stata soprattutto calamitata dai prodotti mobile (il sofisticato 5s e lo stra-annunciato 5c, presunto low-cost) e dai rinnovati sistemi operativi iOS7 e Mavericks.

Eppure ciò che è passato sotto traccia potrebbe avere un impatto molto forte sulle modalità d’uso e sugli ambiti di utilizzo dei nostri dispositivi mobile.

È molto che si favoleggia sul suggestivo concetto di Internet of Things, sulla concreta possibilità di mettere in comunicazione fra di loro degli oggetti, di farli dialogare in maniera “intelligente”. Si parla di qualcosa di grande portata che supera gli stretti confini di questa o quella tecnologia. Significa far entrare il digitale nel reale,  farlo interagire con i nostri gesti, con la nostra quotidianità. Le informazioni e i contenuti – di natura commerciale e no – potranno raggiungere l’utente dove e quando servono di più. Il concetto di mobile come “strumento sempre in movimento con noi” verrà modificato, diventando più profondo (e vero). Tablet e Smartphone potrebbero essere altro che pratici dispositivi per stare connessi alla rete, magari per scaricare la posta elettronica o per aggiornare il proprio status social anche quando si è in metropolitana o al parco.

 

Una soluzione tecnologica esiste già e risponde al nome di NFC. Il New Field Communication, basato su comunicazioni radio a corto raggio consente all’utente (e al suo dispositivo) di ricevere informazioni, trasferire file e, soprattutto, effettuare transazioni e pagamenti.

Per molti questa era la strada da perseguire. Per molti, ma non per tutti. Fra questi ultimi scettici c’è sempre stata Apple che degli smartphone – al di là del recupero di altre company – rimane la regina e l’inventrice. Non avendo mai creduto nel NFC, l’azienda di Cupertino ha preferito tirare diritto e puntare su un’altra tecnologia, a suo giudizio più funzionale. Trattasi del cosiddetto Bluetooth Low Energy (BLE), esistente da tempo e di cui iBeacon non è che un protocollo brevettato da Apple.

 

Ma cosa è possibile fare con iBeacon? Gli ambiti di utilizzo sono molteplici e vanno dalla condivisione/fornitura di informazioni commerciali in-store (offerte, promozioni, adv ad hoc, etc.) alla diffusione di contenuti digitali direttamente dove e quando servono (musei, mostre, luoghi turistici, momenti ludici e di entertaiment). Una declinazione concreta del tanto discusso proximity marketing. Un primo e significativo test – perché coinvolgerà molte persone – riguarda l’uso in eventi della Major League, il massimo campionato americano di baseball. In questo caso i trasmettitori installati negli stadi trasmetteranno – tramite apposite applicazioni – informazioni, offerte e contenuti sviluppati ad hoc per gli sportivi presenti allo stadio.

Rispetto alla tecnologia NFC, quella che sta dietro al BLE permette un raggio d’azione più ampio (fino a 50 metri) rispetto ai pochi centimetri di cui il primo ha, invece, bisogno per funzionare correttamente. D’altro canto, il BLE si presta meno ad operazioni come transazioni e pagamenti tramite mobile device e più – proprio perché si basa su uno standard di trasmissione che favorisce la condivisione open delle informazioni – a una distribuzione facilitata dei contenuti.

estimote_Cloud_In_Touch

La società polacca Estimote produce sensori wireless che utilizzano la tecnologia BLE per trovare e comunicare con gli smartphone nelle vicinanze

La shopping experience e non solo, potrebbe modificarsi in maniera radicale. Anche l’idea di offerta customizzata e il concetto di esclusività si evolveranno grazie all’opportunità di inviare offerte mirate ai singoli consumatori.

Tuttavia, la rivoluzionarietà della soluzione proposta non è sinonimo di banalità dell’attuazione della stessa. Ci sono diversi gradi di complessità in base alle esigenze dei potenziali fruitori. Se si vogliono organizzare campagne marketing di una certa forza e consistenza allora è necessario studiare un sistema o una piattaforma in grado di gestire i dati inviati e ricevuti da un numero importante di device. Un’azione seria ed efficace di marketing location-based va oltre il solo e semplice posizionamento di tanti trasmettitori in uno spazio circoscritto.

Un progetto pensato con criterio, dunque, potrebbe portare a risultati sorprendenti. Allora lo sviluppo di un’applicazione beacon-sensitive e l’installazione di trasmettitori nel luogo prescelto, divengono gli ingredienti indispensabili per arrivare alla combinazione perfetta.

beacon_how_it_works_Cloud_in_touch

 

Copyrights 2013 © by Estimote, Inc